17 gennaio 2017

Corsi “tecnici” per nuove professioni

Cosa fare in cittàIn Evidenza

Mi capita spesso che aziende, o persone, che conosco mi chiedano nominativi di persone per lavori o collaborazioni, per tutto ciò che riguarda il mondo Internet.

Io, come sapete, mi occupo di Web Marketing, ovvero di promozione tramite Google e Social Networks, ma spesso a un’azienda servono figure professionali ancora più basilari.

Di frequente mi viene chiesto: “Conosci nessuno che possa farmi il sito web?” oppure “Hai qualche nome di riferimento da suggerirci? cerchiamo un programmatore, un web designer, un illustratore”“…

Del resto basta sfogliare le offerte di lavoro su Linkedin per capire che c’è una carenza di figure professionali specializzate nelle nuove tecnologie – quelli che fanno il mio lavoro o sono già impiegati o fanno i free lance – che sappiano usare i programmi giusti o sappiano cos’è Analytics, o l’html.

Questa è la schermata di stamattina sul mio Linkedin, alla voce “offerte di lavoro”:

Aziende come Gucci, L’Oreal, Luxottica sono fra i nomi che in questo momento stanno cercando.

Come imparare questi nuovi mestieri?

All’Università spesso si insegnano le basi; i programmi di studio sono così lenti nel recepire le novità, che quello che i ragazzi studiano oggi, non è al passo con i tempi.

La risposta? sono master e corsi privati. Io insegno in molte scuole. E voglio segnalarvi due di queste, indicandone le differenze.

L’Accademia Cappiello ha lanciato da 3 anni un Master in Digital Communication, piuttosto lungo e certamente non economico, ma offre un mix di tutto questo mondo, dalla grafica ai contenuti, passando per i programmi più tecnici.

Il target sono studenti neo-laureati. Nella mia classe di oggi ci sono ragazzi dai 22 ai 31 anni, qualcuno con già qualche piccola esperienza lavorativa.

La Frame School invece, dove sabato inizio un nuovo corso di Social Media Marketing e a marzo uno di SEO, si rivolge a piccole aziende o professionisti che vogliono specializzarsi in qualche materia.

corsi seo a Firenze

Sono corsi brevi, da 12 a 20 ore, per lo più la sera o il fine settimana, divisi per argomento. Il costo è contenuto e sono previsti pagamenti in più tranche.

In calendario vedo in partenza un corso per imparare a usare wordpress, uno per imparare le basi dell’impaginazione e della grafica, un altro per conoscere Autocad… e non manca ovviamente un corso per imparare a creare le App per gli smartphone (per Android).

Spesso si iscrivono professionisti del settore che vogliono colmare qualche lacuna, ma non solo. Ho conosciuto imprenditori, piccoli artigiani e lavoratori autonomi che si sono messi lì a imparare questo o quel programma, per essere autosufficienti, dopo aver ricevuto l’ennesima fregatura da parte di qualche fantomatica agenzia web.

Se avete ancora dei dubbi, leggetevi un po’ di articoli presi dal Corriere, dal Sole24Ore, ecc…

 

Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter