30 luglio 2014 • 8 commenti

La fruttivendola che ti mette di buon umore

Shopping

Ho in mente di fare questo post da settimane, ma rimanda rimanda, eccoci a oggi. Di cosa voglio parlare? di una fruttivendola molto simpatica che ho incontrato – non posso dire conosciuto – a Scandicci. Chi mi segue da tempo, sa che amo andare alla ricerca di piccoli negozi o botteghe con prodotti genuini, come alternativa alla grande distribuzione. Se posso, preferisco comprare frutta e verdura dai piccoli negozianti, che controllano meglio la filiera (meglio se a km zero). Vi ricordate i post sul fruttivendolo di Rifredi o i mitici Gianfranco e Silvana…?

Un po’ per curiosità e un po’ per il mio lavoro, mi succede di girare varie zone di Firenze e dintorni. Così qualche tempo fa, dalle parti di Scandicci, più precisamente dietro al Cinema Aurora, mi sono imbattuta in questo banco di ambulanti; inizialmente non sapevo se fosse affidabile o no (o come mai a Firenze viviamo sempre con la sindrome da fregatura?), tuttavia ogni volta che ci passavo davanti, vedevo la fila di clienti, così una volta ho deciso di fermarmi pure io. E da allora, quando sono in zona, ci ritorno.

fruttivendola

Perché? a parte che la frutta e la verdura sono di qualità, ma sono stata conquistata dalla simpatia ed entusiasmo di questa fruttivendola (le ho “rubato” una foto spero non se ne abbia a male). Non so come si chiami e non so neppure se sia la titolare del banco, perché vedo che ci sono varie persone, insieme a lei, a servire. Inizialmente pensavo fossero una cosa tipo madre e figlia, o zii, ma poi ho capito che non era così.

Questa ragazza mi ha colpito perchè si vede che le piace il suo lavoro. E non deve essere facile stare al pubblico in un banco frutta/verdura. A parte gli orari di apertura (non oso immaginare a che ora si alzi la mattina), ma poi penso alle condizioni climatiche, freddo pungente in inverno e caldo afoso in estate, con le quali deve fare i conti. Ok ora so già che ci sarà qualche lettore che dirà suvvia Nelli, c’è di peggio nella vita, mio nonno lavorava in miniera, ecc. ma io lo paragono a tanti altri mestieri “comodi” di oggi e penso che un minimo di sacrificio questo tipo di mestiere lo imponga. Ciò nonostante le (poche) volte che sono passata da qui, non l’ho mai trovata girata storta o scortese con i clienti (cosa a Firenze molto comune). Al contrario sorridente e gentile.

La cosa simpatica è quando racconta i suoi aneddoti. Una volta l’ho sentita raccontare di un viaggio fatto in Germania con il marito, dove le volevano dare da mangiare della verdura insapore e lei “meno male che c’eravamo portati i nostri pomodori dall’Italia!”. Un’altra volta ricordava i tempi della scuola e di come sia stata contenta di averla finita. Una volta invece mi ha fatto sorridere perché passando davanti a una cassetta di zucchine fresche, durante una giornata afosa, si è messa a parlarci “porelle le mie zucchine, come vu soffrite il caldoeravate così fresche questa mattina

pesce e albicocche

Ovviamente il punto di forza è che la roba è buona e molta è locale. Mi piace che indichino la provenienza. Io stessa cerco di prendere frutta o verdura che viene dai dintorni. Altra cosa carina è che ti consiglia le cose più buone, non necessariamente le più care. Se sei indecisa sui pomodori, ti chiede per cosa ti servono e poi ti suggerisce i più adatti. Una volta ho comprato dei fiorentini e lei mi ha detto “non li condire, assaggiali così e poi mi dici!“.

pomodori freschi

Insomma fare la spesa qui mi fa sorridere, mi mette di buon umore! Mi pare sia aperto solo fino alle 13.

Mi hanno chiesto il punto esatto dove si trova questo fruttivendolo: è in piazza Papa Giovanni XXIII, lungo la via S. Bartolo in Tuto.

Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter


Leave a Reply

8 Commenti on "La fruttivendola che ti mette di buon umore"

Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
elisa
Ospite
……..grazie!!!!! Pensa che da oggi, scrivendo “fruttivendola” su Google, andando alle immagini, sono accanto alla Laura Torrisi, la famosa “carciofara”. Grazie per le cose che dici, ah, mi chiamo Elisa e sì che è dura alzarsi la mattina presto soprattutto io che sono una dormigliona. Il banco è nostro figlio….io ho un grande amore; mio marito Salvatore. E’ con lui che mi sono lanciata in questo show ( il chiosco è il mio piccolo teatro) Lui porta i meriti del negozio; lui sceglie, assaggia e investe, lui scrive la storia, io faccio il film! Torna quando vuoi, magari, se ce… Leggi il resto »
wpDiscuz