13 marzo 2017 • Nessun commento

Ghevido, pizza a taglio

Pizza

Oggi parlo di un posto nuovo che non si trova a Firenze, ma a Sesto Fiorentino: Ghevido. E’ una pizzeria che vende pizza a taglio, un po’ particolare. L’hanno aperta due ragazzi: Gabriele Tonti, pizzaiolo laureato all’Università della Pizza, e Stefano Degli Innocenti, blogger amante di lieviti e pizze, al punto tale di aprire un’attività tutta sua.

La particolarità delle pizze servite da Ghevido, oltre ovviamente a un impasto di farine macinate a pietra, con farina Petra del Molino Quaglia (con 100% grano italiano e da agricoltura integrata), e una lunga lievitazione, sta tutta nella doppia cottura. O meglio, se tante pizzerie fanno la doppia cottura, in questo caso la seconda parte della cottura è fatta al momento dell’ordine, se consumate in loco, o direttamente a casa, nel forno domestico.

In tal modo si evita di bruciare il formaggio o ricuocere la pizza troppe volte.

Le pizze proposte sono le classiche: margherita, marinara, Napoli… più qualche variante stagionale e qualche focaccia ripiena.

La croccantezza mi ha ricordato la pizza romana: quando la prendi in mano rimane salda, e non si piega come succede con le pizze morbide.

Buona la margherita, così pure la marinara con aglio e origano.

La Napoli è diversa da quelle che normalmente si trovano nelle pizzerie: l’acciuga è infatti posizionata sopra in un secondo momento.

Sfiziosa la focaccia con burrata, fiori di zucca e mortadella aggiunta a crudo.

Sul retro hanno una piccola corte con tavolini all’aperto, usufruibili anche in inverno.

In abbinamento alle pizze ovviamente una selezione di birre artigianali del Birrificio Italiano.

Ah per i non fiorentini: Ghevido è l’equivalente di Ganzo. In inglese diremmo “Cool”.

Dove si trova?

A Sesto Fiorentino, in via Giacchetti, 9A. Di fatto è una traversa dietro alla piazza del Mercato. Io ho trovato facilmente posto per la macchina nella strada della pizzeria.

Orari di apertura: 12.00-14.00 e 16.30-22.00

 

Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter


Leave a Reply

Lasciaci il tuo parere!

wpDiscuz