21 gennaio 2013 • 1 commento

Momoyama: make sushi, not war!

Mangiare fuoriRistoranti

Era qualche anno che non tornavo al Momoyama e ancora non avevo provato la “nuova” gestione (dal 2009). Il ristorante è piuttosto fashion: sia nei particolari di alcuni oggetti (le bellissime teiere, le tazzine, alcune ciotole, il logo presente ovunque), che nelle persone che lo frequentano. Per fortuna questo non va a discapito della qualità, come capita in altri ristoranti fiorentini. Mi dicono sia anche spesso pieno.  momoyama La saletta – appena entrati – ha la vista sul sushi chef: davanti ai vostri occhi arrotola, taglia, pressa il riso. Io però ho cenato al piano superiore, un ambiente piccolo, molto carino e intimo. Non invidio i due ragazzi che si sono fatti su e giù per le scale tutta la sera. Sarà per questo che sono così magri.

Momoyama saletta superioreIl menù oltre ai classici della cucina giapponese, è specializzato in tartare e carpacci di pesce. Alcuni davvero interessanti, con abbinamenti insoliti; io ne ho preso uno buonissimo che abbinava al pesce i carciofi e le nocciole, fuori menù. Vi consiglio di chiedere anche le proposte del giorno. Insomma un ristorante come si dice oggi un po’ fusion. Del resto in cucina c’è Thomas Hubner, uno chef con esperienze non da poco (fra le quali persino Pinchiorri).
La carta dei te giapponesi è degna di nota, grazie alla collaborazione con La vie del te‘. Il mio Sencha era ottimo. Bravi!
I dolci invece sono italiani o comunque più vicini al nostro palato.

Cosa ho ordinato

Come antipasto ho chiesto degli edamame (fagioli verdi di soia, lessati e salati): me ne hanno portato una quintalata. Li ho finiti perché erano ottimi.

edamame con te verde

Non potevo non ordinare il sushi, ecco qua un piattino misto con anche sashimi e qualche inside out rolls, si vede che sono belli “ciccioni”. Sui rolls ho notato una bella varietà di proposte.

sushi misto momoyama

Prezzi: quanto costa il Momoyama

Il ristorante giapponese in genere ha prezzi medio alti: un sushi e sashimi misto parte dai 28 €, i rolls dai 9 €, i Ghioza 14 €, la tempura parte dai 17 €. C’è da dire che le porzioni sono piuttosto abbondanti.

Menu momoyama

Consiglio di dare un’occhiata alla pagina MENU DEGUSTAZIONE. Interessante il menù “Sushi & Sashimi” o il menù “Cucina Giapponese Cotta” a 35 €: comprendono la zuppa di Miso o gli Edamame, nel primo caso un mix di sushi, sashimi e roll, con dolce finale; nel secondo caso i Ghioza (ravioli ripieni, stile cinese) e la tempura. Infine sempre un dolce (gelato al te’ verde). Se si vuole qualcosa di più c’è anche il menù a 40 € che include il carpaccio del giorno. La cosa bella è che sono inclusi coperto, acqua, una birra o bicchiere di vino e caffè. Quindi si ha la certezza di spendere quella cifra e neppure 1 € in più (cosa non da poco a Firenze).

Durante la settimana a pranzo propongono i Noodles.

Ah, qualcuno potrebbe chiedermi il perché del titolo.. è la scritta che compare sulla maglietta indossata dallo staff e mi piaceva molto: Make Sushi not War!

Momoyama
Borgo San Frediano 10/R
tel. 055-291840
Aperto 7 giorni su 7

Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter


Leave a Reply

1 Comment on "Momoyama: make sushi, not war!"

Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
trackback

[…] mi si è ristretto il logo, della serie “Honey I shrunk the kids!“. Ho inserito la recensione di Momoyama e presto mettero’ quella della splendida esperienza con le pizze di Franco Pepe. E’ un […]

wpDiscuz