9 agosto 2016 • Nessun commento

OroNero, tea house in piazza Pitti

BereDolci e cioccolato

Pensavo di essere un po’ fuori stagione a parlare di tè in Agosto, ma scopro da Twitter che questa è la #afternoonteaweek! A proposito ma si scrive tea o tè? a volte ho letto pure the’. In ogni caso se d’inverno una tazza di tè caldo è capace di rimetterti al mondo, in estate è altrettanto piacevole un bicchiere di te freddo. A patto che sia buono! Non quei preparati industriali ricchi di zucchero e “aromi” (vi invito a leggere questa prova d’assaggio di 5 marche famose su Dissapore).

samovarHo scoperto la settimana scorsa una piccola tea house in piazza Pitti, aperta a dire il vero 6 anni fa, gestita da due sorelle; io ho conosciuto solo Elisa, una bella ragazza molto gentile che mi ha raccontato la nascita e sviluppo di questo negozio.

elisa oroneroSono rimasta impressionata dall’umiltà con la quale si è messa a studiare, per arrivare a selezionare le miscele in base alle note di attacco, al retrogusto…se inizialmente avevano scelto come fornitori la Via del Te’ e Dammann Frères, poi hanno deciso di proseguire con le proprie gambe, appoggiandosi a un grande importatore internazionale, per poter creare i propri tè. Come ad esempio quello per Palazzo Belfiore, una struttura ricettiva poco distante, della quale parlerò presto.

te palazzo belfiore

Oltre al tè vendono anche qualche miscela di caffé, l’ottimo Slitti, la cioccolata Domori – ovviamente in inverno hanno più scelta, con ganaches e altro – e tutto il necessario per gustare un buon te’ (tazze, colini & C.). Molti oggetti si prestano ad essere regalati.

cookiesE non potevano mancare biscottini e cookies, anche a base di polvere di te’.

Per chi ama il tè verde

Il negozio ha alcuni prodotti ad uso turistico, siamo pur sempre in piazza Pitti, ma ha anche delle perle. Per esempio chi, come me, è fissato con il te’ verde, troverà diverse cose interessanti, come il celebre Geinmacha, ovvero te’ verde con riso tostato, la cui base è un Bancha.

genmaicha

Ma troverete anche un autentico Matcha Geinmacha, ovvero un tè verde con riso tostato (Geinmacha) al quale è stata aggiunta la polvere di Matcha. In questo caso le foglie usate sono Sencha, quindi molto più pregiate e raffinate. Una vera rarità a Firenze.

matcha genmaicha

Attenzione: non è un bar o una caffetteria, dove ti siedi e passi ore a parlare, al contrario è un negozio dove acquistare o degustare una tazza di te’. L’ambiente è volutamente impostato a negozio/ vetrina, con un bel bancone salvato dalla vecchia tipografia (del bisnonno, poi nonno, poi babbo) che occupava questo spazio precedentemente. “E’ stata una scelta dettata dal cuore” mi ha raccontato Elisa, che è molto legata alla sua famiglia.

bancone

Te’ da asporto

Una delle cose che mi piace di più è la possibilità di ordinare un tea-to-go, ovvero una tazza di tè da portare via (calda in inverno, te’ freddo in estate). Con 2 € si può bere un ottimo tè da passeggio a scelta fra tè nero, verde o Rooibos. Con 2,50 € un bicchiere di Tè bianco Pai Mu Tan, oppure Kukicha (tè giallo), o Lung Ching Special. Con 3 € invece un Jasmine Pearl, un Pu-erh Pascha Small tree o Blanc Savage.

Credo che a Firenze sia l’unico posto che offra questa possibilità. Buono a sapersi, quando passo da quelle parti…

oronero_teahouse

OroNero
Piazza Pitti, 1

Firenze

Se vi piace l’argomento tè, segnalo un articolo in cui mi sono imbattuta per caso, sul Telegraph, con le migliori tea house inglesi. Certo non sono economiche, ma almeno una volta vale la pena! Io ricordo ancora la favolosa esperienza a Madrid al Ritz.

Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter


Leave a Reply

Lasciaci il tuo parere!

wpDiscuz