12 gennaio 2013 • Nessun commento

Pitti Uomo #83

Cosa fare in cittàMostre

Sarà l’aria di crisi, che pero’ non colpisce la moda, ma quest’anno mi pare di aver visto più sobrietà a Pitti Uomo. Nei look delle persone, lievemente meno eccentriche del solito – ad eccezione degli asiatici che sanno essere stravaganti in modo autentico (e non per essere immortalati dai blogger fotografi) – negli allestimenti, nel leit-motiv del Salone (dedicato ai libri) e forse anche nelle proposte.

Sì, è vero ho visto i mocassini di Swarovski (Giuseppe Zanotti) e i “luxury” collars di Frida 1931, ma a parte questo, il resto degli stand mi pare confermi una tendenza che vede l’uomo di oggi: elegante, un po’ sportivo, molto hi-tech e con buoni tessuti. Della serie: mi devo comprare una giacca o un paio di pantaloni spendendo un mutuo? allora che siano di ottima qualità.

Un uomo un po’ “marinaio metropolitano” come lo vede Marina Yachting, con il panno in lana contrastato dal cotone gommato ultra tecnico, oppure un uomo d’azione, che si rifà a Sylvester Stallone nel film Cliffhanger o a Mel Gibson in Arma Letale, che veste la linea Rugged di Henry Cottons con toppe e tasche, e nel tempo libero si dedica al Parkour (www.henrycottons.it/rugged). Un uomo che nell’abbigliamento non disdegna il mondo militare, sarà per questo che sono sempre più grandi gli stand di Aeronautica Militare e Marina Militare.

Ma un uomo che rimane sempre affascinato dallo stile british, persino quando a proporlo sono gli stilisti giapponesi, come Koji Norihide per Haversack.

 Gli stand? quest’anno le scenografie spaziavano dai libri, alle tende della Ferrino sospese a mezz’aria (per la nuova sezione I Play dedicata all’abbigliameno sportivo), passando per scale usate a mo’ di libreria.

Bello lo stand di GANT chiaramente ispirato a New York (sembrava di trovarsi in un grattacielo con vista Central Park).

La città ovviamente come sempre in fibrillazione per le feste e per la scenosa sfilata di Scervino niente meno che dentro il Salone dei Cinquecento (ci sarà stata l’Agnese in prima fila?). Del resto come dice il cartello.. gli italiani nella moda dettano legge!

Vip a giro? certo, molti del mondo dello sport (dal Rugby al calcio, passando per il fioretto) e poi c’è stato qualche passaggio di personaggi dal mondo tv, fra tutti Belen incinta, venuta a presentare la sua collezione, che si è fermata a cena da Perseus.

Ecco una gallery di foto:

 

Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter


Leave a Reply

Lasciaci il tuo parere!

wpDiscuz