17 dicembre 2014 • 3 commenti

Lo Stravagante, ristorante alle Cure

Ristoranti

Ieri sera ho provato un ristorante che non conoscevo: lo Stravagante. In realtà è aperto da 4 anni ma non lo avevo mai neppure notato. Forse perchè si trova in una stradina secondaria, che da via Madonna della Querce riporta in piazza delle Cure, nella quale passo raramente. E in effetti da fuori non si nota molto, con l’insegna discreta e due piccole lampade.

ristorante lo stravagante

Anche gli interni sono semplici, su tonalità pastello, che dopo un po’ ho capito rispecchiare in pieno la personalità del proprietario: una persona gentile, accogliente, ma assolutamente non invadente e molto moderato nei toni. Molto discreto, parla con un tono pacato e tranquillo e solo dopo un po’ si “svela” raccontando aneddoti sui piatti e sulla sua ricca esperienza lavorativa (ha lavorato come chef al Belcore e in sala al Dulcamara, oltre che in molti altri posti). Insomma è uno di quei ristoranti che all’apparenza potrebbe sembrare una trattoria come tante altre e invece si rivela come un posticino carino dove mangiare anche qualche piatto insolito… diciamo stravagante!

Cominciamo dal benvenuto, offerto dalla casa, ovvero un mini sformatino con la zucca spinosa che viene direttamente dal suo orto! E’ delicato e non penseresti che proviene da un vegetale così brutto! (mi sono fatta mostrare la pianta dal vivo).

Schermata 12-2457009 alle 12.58.38Come antipasto vero e proprio ho preso quenelles di mousse di baccalà con bottarga di tonno. La persona che era con me invece una piccola tartare di manzo con tabasco. Entrambi gli antipasti buoni e coreografici.

tartare di manzo

Poi ci siamo smezzati un primo: i maltagliati fatti in casa, alla liparese, con tonno e aromi mediterranei. Dopo che ci ha portato il piatto, Carmine – si chiama così il proprietario – ci ha raccontato la storia di questo piatto. Lavorava ancora al Belcore e un cliente habitué gli chiese, a ristorante pieno, un fuori menù, qualcosa di insolito. Lui si è inventato questo primo che a Lipari ovviamente non esiste, ma usando aromi e ingredienti che alle Eolie sarebbero di casa. Non solo il cliente apprezzò tantissimo, ma due giapponesi al tavolo accanto chiesero di poter avere lo stesso piatto! Costretto a ricucinarlo, senza sbagliare ingredienti, non poteva immaginare che i due asiatici fotografassero il piatto e lo raccontassero sul loro blog, con il risultato che per mesi il Belcore fosse pieno di giapponesi!

maltagliati alla liparitana

Confermo: era ottimo! e molto profumato. Gli ho chiesto gli ingredienti: tonno, pomodoro, cipolla di tropea, capperi, peperoncino e origano. Ma non quello comune, bensì origano che lui va personalmente a raccogliere nei boschi in Calabria quando torna nella sua terra d’origine! Mi ha portato un sacchetto con dei rametti di origano ad annusare… che meraviglia!

Poi ho assaggiato un altro piatto che mi ha decantato, e che fa parte delle proposte vegetariane sempre presenti in menù: ovvero un tortino di patate e cicoria. Molto buono ma… niente a che vedere con quello che gli faceva sua nonna! ricorda ancora la nonna che puliva a mano questi mazzi di cicoria e li faceva andare in padella a fuoco basso per ore… che nostalgia! Comunque nonna a parte, l’ho trovato squisito e una buona alternativa a un secondo piatto.

tortino vegetariano

La persona che era con me, ha ordinato una tagliata di tonno rosso, che viene appena scottato nell’olio bollente e servito in crosta di pepe nero e con scalogni brasati e brodetto di carote (da notare: tutti i secondi hanno il contorno incluso).

tagliata di tonno rosso

Per concludere degnamente la cena ci siamo concesse come dolce un cheesecake, con salsa caramellata all’arancia e posso dire che questo è ottimo. Molto cremoso, non troppo formaggioso. Leonardo Romanelli nel suo blog lo definisce addirittura “monumentale”! Concordo.

cheese cake

Interessante anche la proposta di vini, vista la passione di Carmine per il mondo enologico. Ecco quindi che spazia in ogni Regione con proposte da tutte le tasche. Noi abbiamo ordinato un Sauvignon friuliano molto profumato.

Come prezzi sono corretti: antipasti 7-10 €, primi sui 9-11 €, secondi di carne 15-17 € (ovviamente non la  bistecca! che qui viene 4 € / hg), secondi di pesce sui 17-18 € comprensivi del contorno e dolci 5-7 €.

Ma hanno anche la formula degustazione a 30 € con 4 portate + dolce.

Per Natale menù alla carta.

Lo Stravagante

Via Giovanni Boccaccio, 35, 50129 Firenze
tel 055 504 8137

sito: http://www.ristorantelostravagante.it/

Aperto a cena. Nei Festivi anche a pranzo.

Condividi l'articoloShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter


Leave a Reply

3 Commenti on "Lo Stravagante, ristorante alle Cure"

Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Romolo
Ospite
Hai ragione riguardo a Carmine, persona gentile e professionale come poche se ne vedono purtroppo a Firenze. Lo Stravagante è un ristorante dove il proprietario ti accoglie con garbo e ti presenta le sue prelibatezze con amore e rispetto delle materie prime. Questa passione del proprietario si rispecchia nei suoi piatti; le cotture mai esagerate e l’ uso sapiente delle erbe aromatiche rendono la cucina dello Stravagante leggera e di gran gusto. Quando io e la mia Signora vogliamo trascorrere un momento di relax all’ insegna del buon cibo e sentirci acccolti come se fossimo a casa dei nostri migliori… Leggi il resto »
Viadellarocca21
Ospite
Sono stata a cena in questo ristorante lo scorso sabato, ovviamente spinta dalla recensione letta, ma purtroppo la mia esperienza è stata molto deludente! Abbiamo mangiato davvero molto male o meglio nulla di che, fidandomi della recensione ho assaggiato sia la tartare (una porzione piccolissima) che il tortino di cicoria e patate,dove le patate facevano assolutamente da padrone. La persona che era con me invece ha assaggiato la tagliata, davvero stracotta, e per fortuna era poca come quantità perché ha avuto difficoltà nel finirla. Una menzione particolare va alla spiegazione della frisella alla mediterranea,che mi è stata spiegata come una… Leggi il resto »
wpDiscuz