29 Gennaio 2020 • Nessun commento

Inside Magritte

In Evidenza

La settimana scorsa sono stata a vedere la mostra multimediale Inside Magritte dentro la Chiesa di Santo Stefano al Ponte, arrivata a Firenze dopo il successo dell’edizione milanese.

So che i puristi dell’arte non impazziscono per queste forme di show, e criticano l’assenza di quadri o opere d’arte. Ma dipende anche dal motivo per cui si visita una mostra. Spesso le emozioni possono nascere anche da contesti diversi … ed è quello che mira a fare questo percorso espositivo multimediale e multisensoriale.

Nel mio caso, ho visitato la mostra Inside Magritte con mio figlio di 4 anni e mezzo e ci siamo divertiti tantissimo.

Magritte per i bambini

Ho avuto modo di avvicinarmi culturalmente a Magritte durante un mio viaggio a Bruxelles quando ero incinta (chissà che magari non abbia trasmesso le mie emozioni al feto?!?) eheheh…

Tempo dopo, in un museo di arte moderna, avevo comprato un librino per bambini molto carino che parlava del mondo di Magritte (lo trovate anche su Amazon a questo link) e con mio figlio l’abbiamo sfogliato tante volte. Fra tutti gli esponenti del surrealismo è probabilmente quello più capace di attirare l’attenzione di un bambino, che si diverte davanti a una mela cappello o a un paio di scarpe che hanno le dita dei piedi.

Così quando ho saputo che a Firenze arrivava la mostra Inside Magritte ho provato a portarcelo. Era molto emozionato. E per giorni non faceva che dire a tutti “andrò a vedere Magritte!” con la gente che lo guardava strano.

Nella prima sala ci sono un po’ di informazioni: biografia, date importanti, evoluzione dello stile negli anni.

L’esperienza della Augmented Reality

E poi c’è una cosa fortissima: grazie alla realtà aumentata è possibile “navigare” nelle opere di Magritte. L’ho provato prima io, per essere sicura che fosse adatto anche a muo figlio, e mi sono divertita come una bambina a fluttuare con gli uomini in bombetta che galleggiano nel cielo delle metropoli, e aprire infinite porte verso nuovi orizzonti.

La sala con le proiezioni

Dopodiché si entra nella experience room all’iterno della Chiesa di Santo Stefano al Ponte, dove ci sono le proiezioni a 360° su tutte le pareti, soffitto, pavimento.

Giochi di luce, colori, movimento che prendono spunto da olter 160 opere di Magritte e ci giocano: cappelli che volano, dipinti che si animano, suoni e musica.

Il vantaggio è che la durata dell’intero ciclo di proiezioni è di 50 minuti pertanto con i bambini non c’è il tempo di stancarsi.

Se vi piace questo artista, se avete bambini (ma prima fateli avvicinare alla sua arte), o se siete solo curiosi, vi consiglio di visitarla prima che la tolgano. Dura infatti al 1 marzo.

Inside Magritte

Piazza di Santo Stefano, 5 – 50122 Firenze

Sito web: www.insidemagritte.com

info@insidemagritte.com

Fino al 1 marzo 2020

Condividi l'articoloShare on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter


Leave a Reply

Please Login to comment