14 Dicembre 2017 • Nessun commento

Un presepe che emoziona in Santo Spirito

Visitare Firenze

Sono venuta a conoscenza di questo presepe per caso: il mio amico Francesco, parrucchiere di fiducia, mi ha parlato di un pittore lucano che da anni realizza presepi che fanno il giro del mondo, portando il talento italiano ai quattro capi del globo.

Il caso ha voluto che poi ho intercettato su Instagram le foto di Andrea Paoletti, lettore del blog, che mi hanno emozionato (anche grazie al suo talento di fotografo).

Credits foto: AndreaPaolettiPhoto © 2017

Così ho preso il coraggio, ho chiamato l’artista, Francesco Artese, e ho fatto due chiacchere con lui, scoprendo un artista unico nel suo genere che ha cominciato 40 anni fa, e che grazie a una grande passione ha creato presepi capaci di creare emozioni in tutto il mondo.

Un presepe ambientato nei Sassi di Matera

Il presepe in questione è esposto nella Basilica di Santo Spirito, ed è grande ben 100 metri quadrati, con oltre 110 figure realizzate, è proprio il caso di dire che è un presepe imponente!

Credits foto: Francesco Artese

Oltre alle dimensioni il presepe si fa notare per una particolarità: la natività è ambientata nei Sassi di Matera.

Credits foto: Francesco Artese

A ciò aggiungiamo un altissimo lavoro artigianale che parte dalla Sicilia, dove sono realizzate le statuine in terracotta da Vincenzo Velardita, poi passa da Napoli con le sorelle Balestrieri che le rivestono con costumi lucani, e giunge sul luogo prescelto, dove il tutto viene assemblato.

Credits foto: Francesco Artese

Per realizzare un presepe come questo ci vogliono non meno di 2-3 mesi, durante i quali Francesco e i suoi collaboratori lavorano a ritmo serrato.

Credits foto: Francesco Artese

E’ anche un presepe dove sono curate le luci, con tagli teatrali che sfruttano la luce naturale, e la rotazione del giorno e della notte.

Anche la colonna sonora è pensata per emozionare il visitatore.

Credits foto: Francesco Artese

Non deve sorprendere che persino la RAI sia venuta a fare un pezzo da 20 minuti che manderà in onda sabato 16 dicembre.

Il presepe di Santo Spirito

Nel presepe di Santo Spirito ci sono le classiche statuine che ci aspetteremmo, ma anche un omaggio a Firenze e a Michelangelo, qui rappresentato mentre scolpisce un Cristo – come poi è successo nella storia, quando Michelangelo realizzò il Cristo donato ai frati di Santo Spirito – e c’è pure uno dei prigioni.

Credits foto: AndreaPaolettiPhoto © 2017

C’è ovviamente la Madonna, che però non è rappresentata nella solita posizione inginocchiata, bensì ha le braccia protese con un gesto di offerta del bambin Gesù, che a sua volta assume una forma di croce.

Credits foto: AndreaPaolettiPhoto © 2017

Un messaggio chiaro per chi è cattolico: la salvezza passa dalle braccia amorose della mamma a quelle del Cristo sulla Croce.

Credits foto: Francesco Artese

Ci sono riferimenti a tradizioni lucane, come la Madonna della Bruna, patrona di Matera, e il carro trionfale che viene prima portato in processione e poi distrutto (si rifa alla leggenda dei materani che non volevano che cadesse in mano ai Saraceni).

Credits foto: AndreaPaolettiPhoto © 2017

Un presepe che nei primi 2/3 giorni di esposizione (è stato inaugurato per il ponte dell’8 dicembre) ha già visto 12.000 visitatori.

La storia di Francesco Artese e i suoi presepi

Come detto sopra Francesco Artese, lucano, ha cominciato da autodidatta nel 1977, aiutando i frati francescani. Poi poco dopo il primo presepe a Roma. E da lì, in accordo col consolato italiano, arriva a New York nel 1983.

Il suo presepe nella Cattedrale di St. Patrick viene visto da 2.500.000 visitatori! e tutta la comunità di italiani all’estero si commuove davanti al suo presepe.

E poi ancora Finlandia, Brasile, e Betlemme, dove nel 1999 viene inaugurato il Museo Internazionale della Natività e lui è scelto per esporre fra i 200 presepi donati da tutte le parti del mondo. E’ stato anche a Spoleto nel 2004 e infine in piazza San Pietro, secondo l’usanza lanciata da Giovanni Paolo II ben 35 anni fa, ovvero la volontà di adornare la piazza con un presepe esterno.

Artese nel 2012 è il primo artista esterno a realizzare un presepe in San Pietro e ne fa uno gigantesco: 220 mq per 18 metri di altezza!

E per il Natale 2017 è arrivato a Firenze, grazie al sostegno della Regione Basilicata che così può far conoscere la bellezza e i talenti di questa regione. Dopo l’inaugurazione alla presenza dell’Arcivescovo Betori, la città di Firenze ha risposto con entusiasmo a questa esposizione.

Io vi suggerisco di non farvelo scappare: un presepe come questo non capita tutti i giorni di vederlo…

Credits foto: Francesco Artese

Resterà aperto fino ai primi di Febbraio. Si trova all’interno della Basilica di Santo Spirito.



0 0 vote
Article Rating
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments